V° Reading di poesia “diVERSO inVERSO”

diverso

 

Una bellissima esperienza di poesia e cultura giunta ormai alla sua quinta edizione.

La poesia è nell’aria ed il suo profumo è un bene per tutti noi.

Annunci

CONCORSO LETTERARIO INTERNAZIONALE “MADONNA PELLEGRINA” Cervara (MS)

CONCORSO LETTERARIO INTERNAZIONALE

“MADONNA PELLEGRINA” Cervara (MS)

I^ EDIZIONE 2016

 

Per ricordare:

 50 Anni dall’inizio della vita ecclesiale della Parrocchia e dell’attività pastorale

 50 Anni dalla prima festa in onore della Madonna Pellegrina

 30 Anni di servizio della Mensa dei Poveri “CARITAS”

 

Il concorso si rivolge a poeti e scrittori con una duplice finalità:

  •  valutare e rivalutare la letteratura non come asettica ma operante nel mondo, in quanto l’autore, pur facendo salva l’arte come autonoma creazione individuale, non vive solo e in una torre d’avorio, ma nell’ambito del sociale.
  • rendere coscienti delle difficoltà in cui si trova la nostra società superando, davanti alle scottanti problematiche, la divisione religioso-laico per raggiungere un’effettiva solidarietà. L’uomo di cultura non può sentirsene esente, ma “deve” dare il suo prezioso contributo tramite un costruttivo messaggio artistico. Il Concorso non ha quindi fine di lucro, gli introiti saranno devoluti al “Centro Caritas” che quotidianamente e fattivamente svolge iniziative benefiche, inter-relazionando vita culturale e ambiente, in nome di un alto ideale, la fraternità umana, in un dialogo costruttivo e aperto a prospettive di vita vissuta spesso nell’indigenza e nell’emarginazione.

 

Don Giuseppe Cipollini, Garante del Concorso

Luciano Manfredi, Presidente di Giuria

“Avevo fame e mi avete dato mangiare”

Il Centro Sociale “Caritas Onlus” sorge al servizio dei poveri. Ha iniziato la sua attività nel Febbraio 1987 come espressione della Caritas della Parrocchia Madonna Pellegrina, in collaborazione con altre Parrocchie e varie Associazioni del territorio Massa – Montignoso. Ogni giorno, feriale e festivo, dona il pranzo a tutti coloro che si presentano alla Mensa del Centro.

Regolamento

 Il Concorso è articolato in 3 sezioni:

Sezione A:             n. 1 poesia a tema libero, edita/inedita, già premiata in altri concorsi, senza limite di versi, con traduzione in italiano se inviata in lingua straniera, su foglio A4, carattere Times New Roman14. Inviare la poesia in 6 copie, di cui 5 anonime e 1 riportante in calce nome, cognome, indirizzo, email, numero di telefono e la sezione di partecipazione.

Sezione B:             n. 1 racconto breve, edito/inedito, già premiato in altri concorsi,  con traduzione in italiano se inviato in lingua straniera, massimo 2 pagine formato A4, carattere Times New Roman 14. Inviare il racconto in 6 copie, di cui 5 anonime e 1 riportante in calce nome, cognome, indirizzo, email, numero di telefono e la sezione di partecipazione.

Sezione C:             riservato a bambini e ragazzi fino a 14 anni. Obbligatorio inserire anche dati anagrafici e firma del genitore.

Invio elaborati:     

  • via posta: inviare gli elaborati, il pagamento (ove previsto) e la dichiarazione, in busta chiusa alla Segretaria del Concorso Maria Teresa Porcu, Via delle Gorine n. 22 – 54100 MASSA (MS)
  • Via mail: inviare all’indirizzo ppmadonnapellegrina@virgilio.it gli elaborati, la copia della ricevuta di versamento (ove previsto) e la dichiarazione.

 

Termine iscrizioni:          8 novembre 2016

Tassa di iscrizione:          Sezioni A e B euro 10,00 –  Sezione C a piacere.

Versamento: 

  • in contanti, ben celati nella busta.
  • tramite Postepay n. 4023600664876325 intestata a Giuseppe Cipollini (Garante del Concorso), c.f. CPLGPP36R17D629Y

 Premi:   

Sez A:

1^ classificato: trofeo, attestato, opera d’arte*

2^ classificato: trofeo, attestato, libro/silloge

3^ classificato: trofeo, attestato, libro/silloge

Sez B:

1^ classificato: trofeo, attestato, dipinto d’arte*

2^ classificato: trofeo, attestato, libro/silloge

3^ classificato: trofeo, attestato, libro/silloge

Sez C:

1^ classificato: trofeo, attestato, libro di narrativa per bambini

2^ classificato: trofeo, attestato, libro/silloge

3^ classificato: trofeo, attestato, libro/silloge

  • valore stimato euro 520

A discrezione del Presidente e della Giuria potranno essere consegnati ulteriori premi. La Giuria di alto profilo sarà resa nota al momento della premiazione.

La premiazione avverrà Domenica 8 Gennaio 2017 alle ore 15.30 nella Parrocchia Madonna Pellegrina, via Ferdinando Martini n. 43, Massa.

Dati autore

 Nome_____________________________Cognome_____________________

Nato a________________________________Prov._____il____________________

Residente in__________________________________ n._________

Città________________________________ Prov.______ C.A.P. ___________

Telefono:____________________E-mail:____________________________

Barrare la casella:                  □ Sezione A-              □ Sezione B                □ Sezione C

 Da compilare per i minorenni

 Nome___________________Cognome_______________________ (del genitore)

DICHIARAZIONE

Io sottoscritto_____________________________________

  • accetto tutte le clausole del regolamento, acconsento al trattamento, diffusione ed utilizzazione dei dati personali da parte dell’organizzazione o di terzi per lo svolgimento degli adempimenti inerenti al concorso, ai sensi del DLGS 196/2003 e della precedente Legge 675/1996.
  • Dichiaro che il testo che presento è frutto del mio ingegno e che ne detengo i diritti a ogni titolo.

Firma

_______________________________  

(se minorenne del genitore o di chi ne esercita la patria potestà)

Data e Luogo _____________________________________

INFORMATIVA

Il trattamento dei dati è effettuato esclusivamente ai fini inerenti il concorso. I dati dei partecipanti non verranno comunicati o diffusi a terzi a qualsiasi titolo. Se ne potrà richiedere gratuitamente la cancellazione o la modifica scrivendo alla Segreteria.

Facebook

PARTE LA XVIII BIENNALE DI POESIA DI ALESSANDRIA

logopoesia

© Biennale di poesia

 

Che capolavoro è l’uomo!

Parte la XVIII biennale di poesia di Alessandria nel segno di Shakepeare

 Quello che è con tutta probabilità la più antica manifestazione di poesia in Italia (I edizione 1979) continua il percorso di profondo rinnovamento intrapreso nelle ultime due edizioni: con l’ormai totale disimpegno delle pubbliche amministrazioni la Biennale non può più vantare patrocinii pubblici (ma si potrebbe capovolgere la cosa..), ed è quindi indispensabile aprire nuove collaborazioni: per fortuna il credito culturale della Biennale è immenso, per cui il Programma annuale (rimandiamo al sito e al blog per le altre informazioni) si articola ormai su più eventi svolti sul territorio. Tra i patrocinii di grande peso che la Biennale può comunque vantare citiamo l’Università Alma Mater di Bologna (che parteciperà con i suoi docenti), l’Associazione Insegnanti di Lingue straniere, il sito Ossigeno nascente (riferimento per la poesia italiana, nato dal lavoro dell’Università di Bologna), La Biblioteca di poesia “Guido Gozzano” di Terzo (una delle tre in Italia), l’Associazione letteraria La clessidra e tantissime altre realtà locali e non, che stanno ma mano aggiungendosi alla lunga lista.

 A partire da giovedì 2 giugno (ore 15-19), nello splendido Complesso Monumentale di Santa Croce   di Bosco Marengo, che da solo vale una visita, e in concomitanza con una esposizione libraria e artistica, la Biennale proporrà i migliori poeti e critici d’Italia, tra cui diversi alessandrini; vi sarà anche un Concorso estemporaneo di poesia, con ricchi premi in libri offerti da puntoacapo, editrice degli Atti della Biennale. Per l’occasione, vi saranno due interventi su William Shakespeare, a cura di Mauro Ferrari, che della Biennale è direttore, e di Cristina Vallaro, docente dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (MI). Il tema comune a tutti gli eventi è appunto un verso dell’Amleto, che punta alla grandezza dell’uomo, ma anche al mistero del male che si annida nel suo cuore.

 Si proseguirà domenica 19 giugno a Piovera, nel Parco e negli ambienti del Castello (visita d non perdere), poi a Terzo (2 luglio), con poeti dialettali alessandrini e piemontesi; il 27 agosto vi sarà l’appuntamento di S. Sebastiano Curone, all’interno di Artinborgo. Il Convegno della Biennale si terrà poi ad Alessandria (17-18 settembre, con la collaborazione del Museo della Gambarina e del Liceo Plana): sarà l’occasione per gli approfondimenti critici e il Gemellaggio con la Valle d’Aosta che porterà i suoi migliori dialettali. A seguire, la I delle Giornate di studio che la Biennale intende dedicare ai maggiori poeti, cominciando con il veneto Fabio Franzin. Il 9 novembre, concerto di chiusura del Gruppo dell’Incanto, con i testi di Aldino Leoni, Presidente “storico” della Biennale. Come si vede, un programma ricchissimo e articolato, che vuole mantenere la nostra zona fra le aree più fertili della poesia italiana.

La Direzione culturale

http://biennaledipoesia.wix.com/biennale

biennaledipoesia.blogspot.it

II Premio Internazionale di Poesia Itinerante “Dal Tirreno allo Jonio”

premiocarducci

Con il Patrocinio del Comune di Rossano

il sodalizio culturale della prestigiosa

Società Dante Alighieri e I Parchi Letterari

Ateneo tradizionale mediterraneo

e la collaborazione del

“Museo delle Conchiglie di Roseto Capo Spulico”

la Fondazione Roberto Farina Onlus 

indice il

II Premio Internazionale di Poesia Itinerante

“Dal Tirreno allo Jonio”

-In viaggio con Giosuè Carducci alla scoperta del Codex Purpureus Rossanensis-

premiogaribaldi_logo

L’arte e la letteratura sono l’emanazione morale della civiltà, la spirituale irradiazione dei popoli.

– Giosuè Carducci-

L’invio dei materiali è ammesso unicamente via posta elettronica e gli elaborati dovranno pervenire in formato Word (.doc) entro e non oltre il 23 novembre 2015 all’indirizzo e-mail premiopoesiatirrenojonio@virgilio.it  specificando nell’oggetto “II Premio Internazionale Di Poesia Itinerante: Dal Tirreno allo Jonio”.

Clicca qui per scaricare il bando di concorso ed il modulo di adesione al premio G. Carducci

Info:

Telefono: 393/7501545

Pagina Evento: https://www.facebook.com/events/684264398375934

Pagina FB: https://www.facebook.com/groups/518734058260125

     Presidente Premio                                    Presidente Fondazione                                    Presidente Giuria

       Giovanni Mulé                                                Antonio Farina                                             Dante Maffia

                                                                                                                                    (con delega ad Anna Lauria)

“Ali di cielo” di Annamaria Vezio – recensione di Enrico Marco Cipollini

 

ali

Prefata da Dante Maffia, la silloge si dipana su tanti e sovra tutto svariati e speziati temi i quali hanno, sebbene le poesie non siano tutte dello stesso spessore, un comune denominatore che è la trascendenza –il titolo non è messo a caso- da un mondo dominato dal tempo edace e costellato più da dolori che gioie per cercare una dimensione di pieno amore, una ricerca tramite il lògos poetico della comprensione dell’essere in quanto la verità non si nasconde più ma si disvela nel senso greco del verbo. Tolto il velo dell’apparenza alla mondanità, il sostrato che mai non muta è il dolore, la sofferenza, la gioia, il valore degli affetti: ciò che l’Autrice chiama «essenza della persona» non vista come mezzo, strumento ma quale fine a sé stante.  Sia ben chiaro, noi non leggiamo il mondo ma il nostro mondo, non appercepiamo le cose ma le nostre cose, i nostri desideri e non delle astratte esigenze e nella poesia, linguaggio anti-reificante per antonomasia, domina il cosiddetto “fantasma iconico” che, detto in altre parole, non è altro che la diversa capacità significativa della parola. Impossibile quindi “oggettivizzare” la poesia, impossibile a tradursi in altro linguaggio.  Il critico e il lettore si limitano a interpretare e non a trovare “il vero oggettivo”, tipico della scienza, ma tale apparente limite è la forza, la vis insita della poesia: troviamo individualmente i nostri vissuti, le nostre esperienze e le facciamo in tal modo nostre. Viviamo la creazione poetica tramite i nostri personalissimi vissuti interiori, i nostri bagagli culturali, la nostra sensibilità.  L’elaborazione finale non è del poeta che potrebbe esser anche anonimo ma di chi usufruisce della poiesis: sono i vari livelli interpretativi del Soggetto che recepiscono e fan poesia, si potrebbe azzardare pur restando la forma del bello in sé.

Nella poesia di Annamaria  Vezio c’è un linguaggio che aspira ad una trascendenza religiosa ma, al di  là di certa “metafisica”, s’avverte il mondo concreto e vitale dell’Autrice.  Sono esperienze concrete, reali che la muovono a cimentarsi nell’ars poetica, è una vita dolorosa ma che mai mette  in dubbio la vita che -nonostante tutto- ama: molto lontana dall’olimpica serenità di uno spirito assoluto (nel senso vero dell’etimo latino, slegato). Il suo volo verso una dimensione spirituale nasce da una sublimazione dei Vissuti (Erlebnisse è intraducibile), è una necessità d’armonia che disperatamente cerca, un Amore con la maiuscola che sia eterno, puro, incorruttibile. Un Amore che vive quindi nell’ottica spirituale e si mescola a quello cristiano ma non si limita ad agape bensì è sovente “desiderio” sensuale sebbene trasposto.  Quindi lirica che, oltre a certa acmé metafisica, è concreta, verace, coinvolgente. Ma ciò che credo sia una delle chiavi interpretative è il mare come divenire e nel contempo sempre eguale. Si direbbe la unità degli opposti che crea l’identità: il divenire nell’essere. E il divenire porta seco la problematica del Tempo. Il tempo che scandisce i nostri momenti “passati-presenti” (in quanto riaffiorano: non siamo che la risultante delle esperienze precedenti) e i “presenti” che danno la spinta di elevarsi dal quotidiano affinché il tempo così si fermi in “attimi eterni” dove l’anima possa dilatarsi e così “riviva” quelle occasioni perdute. In breve à la Proust, la ricerca del tempo perduto non è altro che ritrovare e liberare il passato, un tempo liberato. Al lettore l’ultima parola, tali sono soltanto spunti per una lettura più profonda.

Enrico Marco Cipollini

Annamaria Vezio, Ali di cielo, Novi  Ligure, Litho Commerciale, 2015, pp.120, € 10,00

.

Info e ordini: ludovica@lithocommerciale.com

Cerimonia di Premiazione del Premio internazionale di Poesia “Abbiate il coraggio di essere felici”

locandina cerimonia 2015
.
logo premio

 .
I poeti premiati sono tenuti a presenziare alla premiazione. Solo in caso di reale impedimento, i premi potranno essere ritirati da un delegato per mezzo di dichiarazione scritta e firmata dall’autore, o spediti al proprio domicilio (a carico del destinatario, con modalità da concordare).
Per decisione del Comitato organizzatore, considerata la elevata qualità artistica delle opere pervenute al concorso verranno assegnati numerosi attestati / segnalazioni di merito / menzioni d’onore.

Sarà inoltre possibile acquistare in loco l’Antologia poetica Abbiate il coraggio di essere felici realizzata appositamente per il concorso al costo di € 10 a copia.

SEZIONE A       SEZIONE F

SEZIONE C     SEZIONE E

SEZIONE B - PREMIO PRESIDENZA

Comitato e Giuria

Presidente del Premio: Antonella Ronzulli
Presidente di giuria: Annamaria Vezio
Responsabile evento: Massimo Rinaldi

Antonella Ronzulli – Direttore editoriale Litho Commerciale, fondatrice blog culturale Néorìa “La parola come inizio e fine di un concetto”, Coordinatrice Arti Letterarie Associazione Culturale “Il Club dei Creativi”, scrittrice, poetessa, editor

Annamaria Vezio – Docente scrittura creativa e arte-terapia Ministero Istruzione, scrittrice, poetessa, pittrice, musicista

Anna Balsamo – Vice presidente emerita della “Camerata dei Poeti”, critica d’arte, scrittrice, poetessa

Jacopo Chiostri – Giornalista, scrittore, Responsabile eventi Caffè storico/letterario Giubbe Rosse di Firenze

Daniela Cattani Rusich – Pubblicista, scrittrice, poetessa, editor, perfomer

Beatrice Bausi Busi – Pubblicista, critica d’arte, scrittrice, poetessa

Renato Fedi – Scrittore e poeta

Fatma Finessi – Responsabile eventi Associazione Orma Cultura, operatrice culturale

Giovanni Mulè – Pedagogista e poeta

 cover antologia 2015