“Sorsi di cuore” – recensione di Enrico Marco Cipollini

copertina_crosera

“Sorsi di cuore”

Matteo Crosera

recensione

Prof. Enrico Marco Cipollini

Esiste sempre un tacito accordo tra l’autore e il lettore così, in tal caso, con chi lo recensisce. In forma di libro è una lunga lettera che l’Autore di Mestre scrive a sé per annotare dei punti cardine sul suo progetto di vita, sulla relazione di coppia e sull’amore . La sua avvertenza quasi che apre il libro lo chiarifica e non la si può che condividere: la pace,se non quella degli schiavi, è atto continuo di coraggio. Amare è coraggio, confrontarsi con l’altra è atto di onestà ,di rispetto e di dignità come rispettare le scelte che uno dei due prende, dolorose o meno. Dichiarandosi, l’Autore, un apprendista della vita, e non volendo giudicare o insegnare niente a nessuno,né possedendo nessuna ricetta già bella e pronta in tasca,valida per ogni occasione,riconoscendosi un ignorante in tal caso,in senso socratico,discetta sul fenomeno “amore” con spontaneità. E’ proprio tale qualità, non cercata, non voluta, conoscendolo,che rende piacevole il suo lungo scritto intramezzato da arie poetiche. Non ci parla dottamente della teoria delle comunicazioni relazionali , neppure prende in considerazione esperti come G.Bateson o il grande quanto dimenticato Laing (vedasi ad esempio,Nodi) o la teoria dei giochi matematici applicata alla relazione di coppia, ma tutto è ” farina del suo sacco”. E’ un dirsi con un ottimo excursus da Omero, l’incontro di Odisseo e Nausicaa, passando per il princeps dell’elegia amorosa ,Catullo, sino alla interpetrazione umanissima del canto V (Inferno) e undecimo dl Paradiso danteschi…procedendo oltre. Ha la onestà, il Nostro, di non classificare, di non schematizzare né definire che sia “amore”,lo è e basta, ci dice, è un accadimento. Non mi trova d’accordo su erotismo che vuole sempre innamoramento ma questo non incide minimamente su tutto tale breviario, sì lo è, di vita, di esistenza da trasformare da solo lunghi e grigi momenti, nietzscheanamente in attimi, in sublime vita vissuta.

Una esperienza di vita che Crosera non desidera per nulla far assurgere ad assoluta ed universale:è la “sua”,indelebile, irripetibile onde non si può generalizzare,e l’Autore ne è pienamente cosciente. Resta comunque una chiave di lettura utile  per spontaneità e anche quella certa “ingenuità” che connotano il tutto. Forse qui sono da ricercare la validità di tal libro(spontaneità e ingenuità, repetita) che si legge bene grazie ad una prosa lineare seppur mosso tale “dicere” da una passione mai sopita, da una intensità emotiva ma controllata ma che il lettore,di certo, saprà cogliere e valutare in modo più che positivo. Non un imbrattar carta con frasi d’amore stucchevoli ma incisive perché sentite,vissute. Ottimo.

Enrico Marco Cipollini

Matteo Crosera,Sorsi di cuore, Booksprint,Buccino, Salerno,2013,pp.108,€ 10,40

Link per l’acquisto:

http://matteocrosera.wordpress.com/

Annunci

8 commenti su ““Sorsi di cuore” – recensione di Enrico Marco Cipollini

  1. Non ho letto il libro e certo lo farò.Mi trovo nella bella condizione di essere amica di Matteo e di Enrico. La condizione migliore nella quale posso sostare per fidarmi, conoscendoli sia pur non personalmente e per questo, senza voce, senza colori e sfumature, forse in modo più profondo. Perché quando si crea un’armonia senza conoscenza, essa è davvero fonte di empatia e gioia. Si dice dell’amore e io cosa posso dire? L’amore è, accade senza domande e soprattutto senza certezza di risposte anche quando pare che le risposte siano tutte lì,certe, Ops, giro di valzer e tutto cambia. Il valzer sembra una danza facile e così non è. Unduetreunduetre, ma bisogna saperlo fare, bisogna saper girare e non è semplice, come non è semplice l’amore così semplice e complesso, fisico e mentale, di sensi e sentimento, di sensi e basta. Non è semplice girare. Unduetre

    Mi piace

  2. Enrico Marco carissimo, sono lacrime di gioia che bagnano il mio viso, per la sincerità e la spontaneità delle tue parole, una recensione che mi lascia il sorriso stampato sulla faccia e l’orgoglio sul cuore. Non trovo nemmeno le parole per ringraziarti come si deve, sperso e disorientato da questo fiume di parole. La strada per me è ancora lunga, per divenire poeta, per riuscire a scrivere degnamente un libro, ma convinto e certo nel tuo prezioso ed indispensabile aiuto riuscirò nel mio intento. Un grazie doveroso, un abbraccio affettuoso, e un sorriso grande grande.
    M.C

    Mi piace

  3. Non ho letto il libro,ma Enrico Marco….ci racconta….e ci stimola ,con le sue considerazioni, a procurarcelo…..per potere e gustare il contenuto!

    Mi piace

  4. Qual è l’ultimo sogno dell’uomo, quel sogno estremo oltre cui si cessa di vivere? L’Amore. Il miracolo che dà la misura e il senso. Sorsi di cuore è la poesia d’amore di Matteo. Una poesia donata al lettore a piccoli sorsi dal poeta generoso che non si risparmia nel processo di analisi e nell’escavazione del suo cuore con non poco dolore. Matteo prima di scrivere vive infatti la sua poesia intensamente in prima persona , nella vita e nell’anima ed è questo meraviglioso connubio che coinvolge il lettore per la purezza e la genuinità del messaggio poetico. E’ un arcobaleno di sfumature il verseggiare e una sinfonia di sonorità da assaporare a cuore aperto in questo dialogo di emozioni tra il poeta e il lettore. Matteo sa bene che è uno studio continuo , un approfondimento culturale e storico il vasto mondo della poesia ma lui ha dalla sua un’arma vincente: la modestia di sapersi allievo della vita e dell’amore. Non sono un’esperta o un critico letterario e conosco troppo poco Matteo ma quello che basta per aver potuto apprezzare non solo il poeta ma anche l’uomo, la sua correttezza e la sua onestà. Una sensibilità sopra la media ed una intelligenza attenta e fervida lo porteranno, ne sono sicura, ad eccellenti traguardi poetici. Che questo sia dunque solo l’inizio! Rosaria Chiariello

    Mi piace

  5. Ciao Enrico! Credo che sia un libro interessante, ma non l’ho ancora letto e mi accingerò per farlo. Le tue parole sono sobrie e sincere. Io penso che l’amore sia il più bel sentimento, è qualcosa per cui ne vale la pena combattere e rischiare sempre. Non ho mai conosciuto il “vero amore” , ma penso che sia qualcosa che purifichi l’anima di una persona e che la riempia di gioia e felicità inattesa, in questo mondo che ha ormai perso i suoi “vecchi” valori e li ha screditati. Credo nell’amore, perchè possa salvare questo mondo, fatto di “arrivismo” “menefreghismo”. e di “inganni” Credo nell’amore perchè in sè è felicità e negli abbracci veri, poichè sono le uniche forme di “felicità umana”. Ma tutto questo, ahimé, non avviene…siamo circondati da persone che si amano “falsamente” e che si hanno per “convenienza”. Io credo nell’amicizia come nell’amore…perchè in fondo la vita non avrebbe alcun senso senza quest’ultimi.Grazie della condivisione di questa tua splendida recensione…spero di poterci conoscere meglio, un giorno, chissà. Intanto, buona giornata! Damiano Semeraro

    Mi piace

  6. “Sorsi di cuore”…Il titolo ci introduce nei meandri delle nostre anime erranti e nei sentimenti più intimi e profondi della nostra vera essenza.
    Le tante sfaccettature dell’amore…così diverso e così uguale sempre.
    E, nel mio caso, se dovessi paragonarlo ad una danza, sarebbe decisamente il tango, passionale e sensuale, sofferente e gioioso, malizioso e dirompente, con passi precisi sì, ma anche e soprattutto creativi.
    Ho il piacere anch’io, e l’onore, di annoverare tra le persone a me care sia Enrico che Matteo, importanti compagni di viaggio nel mondo della Poesia e non solo.
    Non ho letto il libro di Matteo e sarò di certo anch’io tra coloro che lo faranno, ma diversi suoi scritti sì….scritti che ritengo sicuramente molto interessanti e in continua, positiva e poetica evoluzione nel loro exursus letterario.
    La prefazione di Enrico è come al solito impeccabile, confezionando un regalo per le nostre emozioni, da scartare con cura.
    Un abbraccio affettuoso ad entrambi ed un grossissimo in bocca al lupo e complimenti a Matteo.

    Mi piace

  7. Conosco virtualmente sia il caro Matteo che il grande amico Enrico.
    Un’amicizia virtuale forte, molto più vera di alcune amicizie che incontri nella realtà quotidiana, molto più vera, senza ipocrisia di sorta, senza dei ma e dei forse. Un’amicizia nata per caso, o voluta dal destino che accomuna le persone, quelle anime che l’universo fa incontrare, perché così dev’essere.
    O sarà l’amore che ci accomuna per lo scrivere afflati di poesia, o il parlar d’amore nelle sue sfumature più dolci o tristi ?
    Amo lo scrivere del Matteo, lo dico senza false parole, mi piace quel suo “parlare” senza troppi fronzoli, la sua poetica scorrevole, che entra dritta al cuore, da bere a piccoli sorsi o inebriandosi …d’amore.
    Un abbraccio Matteo
    …Un abbraccio Enry…

    con affetto
    Fernanda Besagno

    Mi piace

  8. Sinceramente sento di augurare a Matteo Crosera un buon successo per il suo libro e la possibilità di continuare la sua ricerca che se,come ci indica Enrico Marco Cipollini, è autentica ricerca in sé, troverà certamente la strada per tradurre il suo sentire in occasione per sé e per gli altri di condivisione attraverso un linguaggio che, proprio perchè vissuto sul piano dell’essere ,non può che farsi universale, là dove i ritmi della vita sanno divenire testimonianza umana . Grazie

    Mirella Cassina

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...